David Maria Turoldo (poesie)

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Andare in basso

David Maria Turoldo (poesie)

Messaggio Da enricorns2 il Sab Set 10, 2016 10:09 pm

Sosta del sangue


Già da un’alba morta all’inizio
di un cammino per notte opaca
mi segui nuda,
tutta simile a me
e con ali immani mi copri:
«faccio perché non precipiti»
mi dici con denti aguzzi di jena,
e non sai che il tuo occhio è un abisso.
Tu non vedi; il nostro
passo è fatale.
Burroni di ossa e di carne
marcite stanno sulla via.
Tu porti i crani a collana
e sorridi serena
e il tuo sorriso mi fermerà il sangue.

(da “O SENSI MIEI… POESIE 1948-1988” – pag. 18)
avatar
enricorns2
Admin

Messaggi : 454
Data d'iscrizione : 10.09.16

Visualizza il profilo http://certamentecerto.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Maria Turoldo (poesie)

Messaggio Da enricorns2 il Dom Set 11, 2016 6:55 am

O giorni miei...


Solo a sera m’è dato
assistere alla deposizione
della luce, quando
la vita, ormai
senza rimedio, è perduta.

Mio convoglio funebre
di ogni notte: emigrazione
di sensi, accorgimenti
delle ore tradite, intanto
che lo spirito è rapito
sotto l’acutissimo arco
dell’esistenza: l’accompagna
una musica di indicibile
silenzio.

Invece dovere
ogni mattina risorgere
sognare sempre
impossibili itinerari.

             (da “O SENSI MIEI… POESIE 1948-1988” – pag. 19)
avatar
enricorns2
Admin

Messaggi : 454
Data d'iscrizione : 10.09.16

Visualizza il profilo http://certamentecerto.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Maria Turoldo (poesie)

Messaggio Da enricorns2 il Lun Set 12, 2016 9:49 am

Giorno di vento

E sono senza pietà per questo
mio cuore denudato;

come un giorno di vento
un albero batteva alla finestra
con braccia dementi
il mare era tutto un pianto;

e giù alla riva appena
respiravano le pietre
coperte di schiuma,
e c’erano rottami
di barche e di rami
e una scarpa gettata tra i sassi
e un lembo di veste;

ed io guardavo ridendo
ai vetri della cella.

                 (da “O SENSI MIEI… POESIE 1948-1988” – pag. 21)
avatar
enricorns2
Admin

Messaggi : 454
Data d'iscrizione : 10.09.16

Visualizza il profilo http://certamentecerto.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Maria Turoldo (poesie)

Messaggio Da enricorns2 il Mar Set 13, 2016 1:17 pm

Desolata terrazza

Anche stasera le mie
parole si perdono
sopra le case.
Nulla ho in cuore:
mi accogli
desolata terrazza
senza sponde.
Domani
un nuovo rimorso
mi spingerà
sulle strade.
 
              (da “O SENSI MIEI… POESIE 1948-1988” – pag. 22)
avatar
enricorns2
Admin

Messaggi : 454
Data d'iscrizione : 10.09.16

Visualizza il profilo http://certamentecerto.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Maria Turoldo (poesie)

Messaggio Da enricorns2 il Mer Set 14, 2016 10:56 am

INNO - ESALTAZIONE DELLA SANTA CROCE

Ecco avanzare le insegne regali,
già della croce risplende il mistero:
nella sua carne è appeso al patibolo
l’autore santo di tutti i viventi.

Nudo il corpo, squarciato il cuore
dalla violenza che ancora perdura,
egli continua a lavare le colpe
nell’onda viva e fluente del sangue.

Il sangue suo e di tutte le vittime
orna di porpora l’albero verde:
o pianta unica, degna ed eletta,
tu porti il peso più grave del mondo.

Come a bilancia aperte le braccia
sui rami tuoi sorreggi beata
il prezzo di ogni umano riscatto:
così egli sconta il salario alla morte!

Altare e vittima noi salutiamo,
gloria di ogni agonia dell’uomo,
per cui la vita ha vinto la morte
e dalla morte rinasce la vita.

Salute, o Croce, o sola speranza
in questo tempo di eterna passione:
ai santi dona aumento di grazia,
dei peccatori cancella i delitti!

O Trinità, di salvezza sei fonte,
a te ogni spirito innalzi la lode:
quanti il dolore e la croce redime
tu benedici e conforta nei secoli.

                     (da “la nostra preghiera” – pag. 1466)
avatar
enricorns2
Admin

Messaggi : 454
Data d'iscrizione : 10.09.16

Visualizza il profilo http://certamentecerto.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Maria Turoldo (poesie)

Messaggio Da enricorns2 il Gio Set 15, 2016 1:27 pm

INNO - B. MARIA VERGINE ADDOLORATA

Stavano presso la croce sua madre,
Maria di Cleofe e Maria di Magdala…
Piccolo resto di tutte le folle,
il vero resto del grande Israele?

La Donna attesa dall’alba del mondo
e una parente e l’amica del pianto…
Così finiva sul monte la storia
di grazia e colpa di tutto Israele?

Sei tu, o madre, l’anello che lega
secoli e tempi antichi a futuri:
figlia di Sion, la pianta che porti
la linfa viva del popolo eletto.

Anche il creato in dolori di parto
dal monte attende di nascere ancora:
nell’obbedienza del nuovo Adamo
e per te, Donna, che vivi di fede.

                       (da “la nostra preghiera” – pag. 1475)
avatar
enricorns2
Admin

Messaggi : 454
Data d'iscrizione : 10.09.16

Visualizza il profilo http://certamentecerto.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Maria Turoldo (poesie)

Messaggio Da enricorns2 il Ven Set 16, 2016 9:16 am

Meditazione sul Salmo 11

Dove emigrare, Signore?
dove fuggire il tuo occhio?
Eppure da me è la sorte finale:
non esiste fuga dal male,
è qui e ora che tutto si decide:
"dalla coppa assorbiremo vento bollente"
ma a salvarci sarà un crocefisso.

                (da: "Nel lucido buio"  ultime carte del frate-poeta - pag.132)
avatar
enricorns2
Admin

Messaggi : 454
Data d'iscrizione : 10.09.16

Visualizza il profilo http://certamentecerto.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Maria Turoldo (poesie)

Messaggio Da enricorns2 il Sab Set 17, 2016 10:45 am

Meditazione sul Salmo 3

Un Dio-se esiste: e tu dubiti che esista?-
ti veglia anche la notte
<>

Ma il mistero perdura,
fino a quando qualcuno:
«neppure il suo Dio lo salva»!

Perché, Signore!

Mio Dio della notte e del giorno...

              (da: "Nel lucido buio" ultime carte del frate-poeta -pag. 124)
avatar
enricorns2
Admin

Messaggi : 454
Data d'iscrizione : 10.09.16

Visualizza il profilo http://certamentecerto.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Maria Turoldo (poesie)

Messaggio Da enricorns2 il Lun Set 19, 2016 1:38 pm

Salmodia


La terra è intrisa di pianto.
Sono le lacrime nostre
la rugiada della terra.

Il melograno è già fiorito:
il mattino riprende carne
nelle dolci fragole.

Per me invece tutte le stagioni
stillano l'amara pece dei pioppi
troppo colpiti dalla bufera.

Il sole è vino per la lucertola,
ubriaca se ne sta tutto il giorno
sulla pietra ― sola paura
la presenza dell'uomo.

A me il sole rovina le mani
il viso, produce altra sete,
mi fa dentro il deserto.

Sono uno stelo arso
un albero bruciato
in mezzo a una brughiera:

almeno sul ramo più scarno
una cicala cantasse!

(da “O SENSI MIEI… POESIE 1948-1988” – pag. 117)

avatar
enricorns2
Admin

Messaggi : 454
Data d'iscrizione : 10.09.16

Visualizza il profilo http://certamentecerto.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Maria Turoldo (poesie)

Messaggio Da enricorns2 il Mar Set 20, 2016 2:45 pm

Prigionieri del tempo


Nel vasto silenzio sul tetto delle case,
accovacciato fauno
attendo che tu compaia, Signore.
Un presagio di bufera
riprende a rombarmi in cuore.
Non una parola sale da tutta la città;
e le rade lampade sembrano gridare
ai solitari pellegrini della notte,
quasi anime di morti risospinte indietro
dall'imminente temporale.
Ma di Te ancora non un segno.
Le mie ginocchia sono cocci
di montagne franate
nei secoli dei secoli e la terra
una stanca nave. Oh, quanto,
Signore, la Tua smisurata vastità
ci opprime! Lasciaci
prigionieri del tempo, della luce,
lasciaci a questa precisa esistenza,
alle cose tangibili, come i fiumi
entro dighe di pietre.

(da “O SENSI MIEI… POESIE 1948-1988” – pag. 118)

avatar
enricorns2
Admin

Messaggi : 454
Data d'iscrizione : 10.09.16

Visualizza il profilo http://certamentecerto.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Maria Turoldo (poesie)

Messaggio Da enricorns2 il Mer Set 21, 2016 12:46 pm

Attesa

Intanto ognuno chiede all' altro
onde sapere di sé, di cosa
sia per accadere
ieri domani chissà quando.

Intanto ognuno sceglie
la sua parte, sale il palco.

Un canto tentato ogni giorno
che la sera tinge di amaro
mentre io vado scoprendo
ciò che è già disvelato.

Vorrei mutare pianto
liberarmi dall'inutile inganno.

Alla finestra a piombo sul corso
si spegne il ronzare fermo
dell'asfalto. Nel cielo
immoto, nell'evento
che neppure ruina.

E forse d'alcun giovamento
è questo mio raffermo sperare.

                  (da “O SENSI MIEI… POESIE 1948-1988” – pag. 116)
avatar
enricorns2
Admin

Messaggi : 454
Data d'iscrizione : 10.09.16

Visualizza il profilo http://certamentecerto.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Maria Turoldo (poesie)

Messaggio Da enricorns2 il Ven Set 23, 2016 11:07 am

Oggi m'avvidi


Oggi m'avvidi d'essere
una frattura
ove il fondo
fluire del tempo
riceve un riflesso di sole.
Sento d'avere perduto
l'equilibrio e il gesto
umano. Gli altri
se ne vanno composti
mentre il mio cammino
è una sorpresa orrenda.
Oh, quante volte
percorsi questi rioni
a fianco agli amici
tentando d'abbandonarmi
alla strada! Invece
sempre più è scoperta
questa mia enormità.
Essi hanno le loro parole,
ma io ragiono col sangue
cieco.

(da “O SENSI MIEI… POESIE 1948-1988” – pag. 24)

avatar
enricorns2
Admin

Messaggi : 454
Data d'iscrizione : 10.09.16

Visualizza il profilo http://certamentecerto.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Maria Turoldo (poesie)

Messaggio Da enricorns2 il Sab Set 24, 2016 9:21 am

Vicenda


Finalmente ho disturbato
la quiete di questo convento
altrove devo fuggire
a rompere altre paci.

(da “O SENSI MIEI… POESIE 1948-1988” – pag. 25)

avatar
enricorns2
Admin

Messaggi : 454
Data d'iscrizione : 10.09.16

Visualizza il profilo http://certamentecerto.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Maria Turoldo (poesie)

Messaggio Da enricorns2 il Lun Set 26, 2016 10:01 am

Combat


Oh noi siamo in balia
di una nube, fatti tristi
dalla troppa luce
di poco alla fine placati
e del sangue,
della folla che grida
senza pietà.

Ma forse
pure questa è una vita
che sale a Te in offerta
qualsiasi; forse così Ti è grata
anche la nostra pena
d'essere amati.

(da “O SENSI MIEI… POESIE 1948-1988” – pag. 35)

avatar
enricorns2
Admin

Messaggi : 454
Data d'iscrizione : 10.09.16

Visualizza il profilo http://certamentecerto.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Maria Turoldo (poesie)

Messaggio Da enricorns2 il Mar Set 27, 2016 8:30 am

Sagrato


Sul sagrato del Corpus
Domini c'è un comizio
di poveri tenuto
da Padre Atanasio.
E nel sottoscala
un altro muore
dimenticato.
Intanto Cristo continua solo
la Sua strada.

(da “O SENSI MIEI… POESIE 1948-1988” – pag. 42)

avatar
enricorns2
Admin

Messaggi : 454
Data d'iscrizione : 10.09.16

Visualizza il profilo http://certamentecerto.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Maria Turoldo (poesie)

Messaggio Da enricorns2 il Gio Set 29, 2016 8:29 am

Il segreto di Caino


Ormai sono
uomo senza mistero.
Già dal primo
bruciato meriggio
ho visto il volto di Dio.

Ormai sono
vacuità assoluta;
deserto orrido serale,
solo con l’amara
gioia di non incontrarmi
più.

Ora sovrasta la notte,
ma con lena cammino ancora
solo a lasciare orme
sull’arsa duna;
e gli altri a dire: «fino
là oltre andò a esplorare...».

Oh!, dietro
a nessun inganno io corro!
un’unica sete amo
che mi allunga la vita.

Ma se tra i campi
restavo coi bruti che più amo
a far solchi e poi stanco
dormire roco su qualunque
selciato, questo
m’avrebbe forse
fatto pago?

Torture del cuore
mi hanno spinto sul fratello pastore,
ad avere pietà di lui;
la voluttuosa pietà di provare
cos’era l’uccidere; poi
da torture d’Iddio
a partire.

E non ho ucciso
per essere solo (la solitudine mia
fu purulento tumulto di foce
a cui s’aggruma la feccia
di fracide alghe).

Urlando
per sopraffare l’assurdo silenzio
che m’inseguiva
dalle selve fuggii
a costruire città.

Non ho ucciso
per gelosia di Iddio:
verso Lui nell’offrirgli primizie
la faccia tenevo
ostinatamente
in seno.

Non perché vedessi
le fiere lanciarsi su fiere; ricordo,
tutto era placido ancora,
sommerso in pace profonda
come vergine in sonno.
Avevano ancora
un sorriso innocente
le cose.

Mi sono annerite d’un tratto
le vene, un misterioso essere
danzava in me.
Fu rotto alfine
l’atroce equilibrio. Silenzio
delle cose dell’anima rotto
alfine
da Caino.

E d’allora
scavai con le mani la fossa
ma senza morire:
là dentro m’insegue l’immane
ruggito di tutti i ricordi:
ora io cerco l’infinito silenzio,
e attendo che dentro mi getti
Qualcuno.

(da “O SENSI MIEI… POESIE 1948-1988” – pag. 30)

avatar
enricorns2
Admin

Messaggi : 454
Data d'iscrizione : 10.09.16

Visualizza il profilo http://certamentecerto.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Maria Turoldo (poesie)

Messaggio Da enricorns2 il Ven Set 30, 2016 12:16 pm

Ritorno del figliuol prodigo


Ho l'anima rossa di ricordi
ultimo sangue che ancora mi resta:
poi tutto ho perso
cuore sostanze
lungo le strade.

Ricordo la Tua mano protesa
verso la mia casa
e mi dicesti: «Sali
a metterti la veste».

Ora la Tua calma
riappare
sopra la grande città.

(da “O SENSI MIEI… POESIE 1948-1988” – pag. 33)

avatar
enricorns2
Admin

Messaggi : 454
Data d'iscrizione : 10.09.16

Visualizza il profilo http://certamentecerto.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Maria Turoldo (poesie)

Messaggio Da enricorns2 il Sab Ott 01, 2016 12:03 pm

Eppure mi tenta ancora


Eppure mi tenta ancora
questa avventura
del Figlio Prodigo. Prima
era un dovere.
Potere un giorno
dire coi sensi che le cose
gridano a un essere più alto,
a una più alta gioia;
che esse sole
non sono sufficienti.
Dovere di sacrificare
quelle stesse cose
che sono divine,
di consumarle in noi stessi
al fine di una creazione
che è nostra.
Oh io l'avrei fatto
se Egli non avesse parlato.
E se resto, non mi lamento
come il fratello maggiore
che non comprende la ricchezza
di quel figlio
che ha tutto perduto.
Era bene che uno Gli portasse
l'omaggio delle donne
anche da quelle strade;
sacra è la bellezza
di tutte le creature
e uno doveva raccoglierla.
Difficile era credere
senza provare,
sono i sensi il tempio
di una incrollabile fede.
E dentro la Sua casa
non sempre l'uomo intende.
E anch’Egli ha lasciato
il seno del Padre,
e si è commosso di noi
e ci ha amati
perdutamente

(da “O SENSI MIEI… POESIE 1948-1988” – pag. 37)

avatar
enricorns2
Admin

Messaggi : 454
Data d'iscrizione : 10.09.16

Visualizza il profilo http://certamentecerto.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Maria Turoldo (poesie)

Messaggio Da enricorns2 il Lun Ott 03, 2016 12:48 pm

Il divino ufficio.

MATTUTINO

Fra, le carte aghi d'abeti
portati dal vento, nei capelli
fili esili d'erba e spade
di luce lungo i prati;
mi cullano cori di montagne
e boschi vibrano
in riva al lago.
Annullano lo spazio
voli d'uccelli ebbri
nell'imminenza
d'un inverno non immaginato.
E dal pulviscolo d'oro di millenni
mi sento emergere tastiera
librata di sensi.

         (da “O SENSI MIEI… POESIE 1948-1988” – pag. 85)
avatar
enricorns2
Admin

Messaggi : 454
Data d'iscrizione : 10.09.16

Visualizza il profilo http://certamentecerto.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Maria Turoldo (poesie)

Messaggio Da enricorns2 il Mar Ott 04, 2016 10:09 pm

Il divino ufficio.


MATTUTINO

Risalgo ora strade
mai corse,
rotti gl'impegni:

come da un mondo uscire
- cancellate le orme -
e cantare

nei gesti inimitabili
dei rami...

(da “O SENSI MIEI… POESIE 1948-1988” – pag. 85)

avatar
enricorns2
Admin

Messaggi : 454
Data d'iscrizione : 10.09.16

Visualizza il profilo http://certamentecerto.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Maria Turoldo (poesie)

Messaggio Da enricorns2 il Mer Ott 05, 2016 1:28 pm

Il divino ufficio.

MATTUTINO
3
Così fanciullo ignaro in sconfinata
pianura, così m'avventurai
dietro la voce irripetibile.
Era il mio grido senza
eco. Tu senza
muraglie. Tu che allora dicevi
la parabola dei gigli,
della spiga di grano che muore
sotterra per non morire;
e il tuo invito a nozze,
o Sposo dei campi, Emmanuele, figlio
della Bellissima.
Non creatura maledetta
nei tuoi accenti,
non furiosa condanna.
Vino e nardo e profumi
hai chiesto all'ospite.
Tua casa il monte, una barca, una riva
di lago.

Ora lasciateci,
uomini, amare. Mia
è questa creazione:
non distruggete il connubio
divino!
         (da “O SENSI MIEI… POESIE 1948-1988” – pag. 86)
avatar
enricorns2
Admin

Messaggi : 454
Data d'iscrizione : 10.09.16

Visualizza il profilo http://certamentecerto.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Maria Turoldo (poesie)

Messaggio Da enricorns2 il Gio Ott 06, 2016 9:57 am

Il divino ufficio.

ALLE LAUDI

Oh, non vi nascondo, mie
creature semplici, viti
scapigliate, o pomari!
Spesso mi vidi su queste
curve, sedotto
dalle vostre cure, da questa
liturgia dolce.

Noi siamo terra orante:
nostra sorella e nutrice
la terra, madre che ci germoglia
unitamente
alle eterne radici...

Alla fine, Signore, chiedevo
che ci bastasse un pane
cotto con le nostre mani.

       (da “O SENSI MIEI… POESIE 1948-1988” – pag. 87)
avatar
enricorns2
Admin

Messaggi : 454
Data d'iscrizione : 10.09.16

Visualizza il profilo http://certamentecerto.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Maria Turoldo (poesie)

Messaggio Da enricorns2 il Ven Ott 07, 2016 8:06 am

Il divino ufficio.


A PRIMA

A me, a me un giorno di tregua,
non abbia gridi il dolore. Forse
oggi sollevo la cenere
dei morti.
La luce esca dai suoi confini,
entri nella notte.
Non le foglie muoiono: i ricordi.
Non una stilla di rugiada
fuori è smarrita.
Oggi non io mi sento
sarcofago di parole
marcite.
(da “O SENSI MIEI… POESIE 1948-1988” – pag. 88)

avatar
enricorns2
Admin

Messaggi : 454
Data d'iscrizione : 10.09.16

Visualizza il profilo http://certamentecerto.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Maria Turoldo (poesie)

Messaggio Da enricorns2 il Sab Ott 08, 2016 1:19 pm

Il divino ufficio.


A TERZA

A me un paese di sole
una casa
leggera, un canto
di fontana giù
nel cortile.
E un sedile
di pietra.
E schiamazzo di bimbi.
Un po' di noci
in solaio,
un orticello
e giorni senza nome
e la certezza
di vivere.

(da “O SENSI MIEI… POESIE 1948-1988” – pag. 89)

avatar
enricorns2
Admin

Messaggi : 454
Data d'iscrizione : 10.09.16

Visualizza il profilo http://certamentecerto.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Maria Turoldo (poesie)

Messaggio Da enricorns2 il Dom Ott 09, 2016 1:19 pm

Il divino ufficio.


A SESTA

Oggi una promessa al lago
che mi guarda innamorato,
che mi ha tanto
atteso, ed ora non palesa
fretta alcuna. Una

promessa alle colline
che si stringono la mano,
al pino diritto
come antenna nel cielo.

Non traditeli, uomini,
o sacrileghi, non tradite
i frutti della madre.
Cristo è giglio delle valli,
Egli ha consacrato il vino
e il pane.

(da “O SENSI MIEI… POESIE 1948-1988” – pag. 90)

avatar
enricorns2
Admin

Messaggi : 454
Data d'iscrizione : 10.09.16

Visualizza il profilo http://certamentecerto.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Maria Turoldo (poesie)

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum